mercoledì 2 aprile 2008

MA PER IMPARARE A FARE LA CASSIERA C'È BISOGNO DELLO STAGE?

Avevo già parlato qualche tempo fa, nel post «Far West stagistico: quando lo stage è davvero di troppo», di quei mestieri per i quali far fare stage è indegno. Sul sito di Studenti.it ho trovato due testimonianze agghiaccianti: una stagista cassiera di supermercato e uno stagista magazziniere. Ma stiamo scherzando?? Eppure accade.
A questo link trovo la testimonianza di Jessica: «Ho lavorato un mese e mezzo come "tirocinante hostess di cassa" in una grande catena di supermercati. Peccato che il tirocinio era fantomatico in quanto dal secondo giorno sono stata messa in cassa da sola senza nessun "tutor" (previsto dal contratto) e senza nemmeno sapere bene quello che dovevo fare...alla fine mi hanno fatto capire di "improvvisare"... Ho lavorato come se fossi una dipendente a tutti gli effetti, con turni di 7 h nei sabati, domeniche e festivi. L'unica differenza rispetto ai dipendenti è che a me davano solo un ridicolo rimborso spese..quanto? 210 euro/mese. Oggi mi dimetto! :)».
E poi quella di B.: «Sto facendo uno stage da due mesi, non ho firmato niente, e in due giorni mi hanno insegnato a fare bolle, impacchettare vestiti e spostare e riordinare scatoloni! Dopo di che ero formata! Mi trattano a pesci in faccia e nessuno mi ha insegnato nulla! Bellissima esperienza fare il magazziniere pagata neanche un euro all'ora!».
Chi è che diceva che nessuno usa gli stage per sfruttare la gente?

2 commenti:

Eleonora Voltolina ha detto...

Il silenzio di commenti a questo post è assordante...

maurizio ha detto...

Un saluto a tutti
Parlando di lavoro, disoccupazione e lavoro precario, a chi interessasse, sto aprendo un nuovo sito, una specie di Blog o Forum in video, dove è possibile interagire con domande/richieste e risposte tutte in video.
Lo scopo è quello di aiutare, sostenere, sensibilizzare e possibilmente soddisfare le esigenze e le problematiche della gente. Si potranno affrontare i problemi sociali e familiari, progetti, lavoro, ecc.
il sistema, basato su richiesta e risposte, a secondo della loro natura, fà si che si vengano a creare nuove storie, con interventi di sotegno, consigli, e con l'intento di arrivare a lieto fine.
Per chi fosse interessato a partecipare tra i primi inserzionisti gratuitamente, per chi volesse esporre o divulgare la sua opinione o il suo problema, può scrivere a info@helpin60.com